Balla&Brucia®, la danza brucia calorie. Ce ne parla l’ideatrice

Oggi conosceremo meglio una disciplina fitness molto particolare e innovativa: “Balla&Brucia®“. A illustrarci le caratteristiche di questa attività sarà “Beba” Yellinek Silvera Ramos, ballerina e insegnante, nonché ideatrice di Balla&Brucia®.

Beba tiene i suoi corsi qui: Moma studios (Porta romana), Moma studios (Cernusco sula naviglio), Scuola di danza New Style dance (Vignate), TC PALESTRA (Pessano con Bornago)

corsiiiiiiii

Parlaci della disciplina “Balla&Brucia®”. Cosa la caratterizza?

Allora Balla&Brucia® è una disciplina di DANZA brucia calorie dove si impara a ballare, si rassoda e si dimagrisce. Creata da me nell’anno 2011. E’ un marchio registrato World Wide. Adesso siamo l’unica disciplina di danza NON-PRECOREOGRAFATA del mercato Italiano, così siamo un po’ diversi dagli altri. Si possono imparare tra 25 e 35 stili diversi di danza facendo lezioni di Balla&Brucia®.

Questa attività è l’ideale per quale tipologia di persona?

Assolutamente per tutti! Grandi e anche piccoli All’inizio offrivo il prodotto a gente che voleva perdere peso, alla fine la mia creazione è stata fatta per uno scopo personale, perdere 25 chili che ho presso con la gravidanza. Alla fine li ho persi tutti. Con il tempo mi sono resa conto che avevo un sacco di gente che non aveva bisogno di dimagrire, ma semplicemente, ballare, staccare e divertirsi.

balla

Parlaci di te. Chi è Beba? Da quanto tempo pratichi danza e fitness?

Sono una ballerina da quando avevo 4 anni, amo ballare e, anche se ho studiato Marketing all’università, la danza per me è sempre stata sempre la prima opzione e scelta d vita, sono più di 25 anni che ballo a livello professionale, ho studiato tanti stili diversi dal flamenco alla belly dance, dal twerking al tango argentino. Ancora continuo a studiare, c’è sempre da imparare! Mi piace il fitness ma mi concentro più su la danza, è il mio campo!

Come è possibile diventare istruttore di B&B?

Adesso siamo in tutto il territorio italiano, siamo 190 insegnanti da nord a sud, è possibile fare formazione in tutta Italia, stiamo sempre aggiornando nuove date, c’è richiesta ovunque, sia gente che vuole far lezione, sia che vuole diventare insegnante. Comunque gli aggiornamenti sulle date si possono trovare su Facebook, Youtube, Twitter, Instragram, sul nostro sito www.ballaebrucia.com o telefonicamente alla segreteria a livello nazionale al numero 3248672740.

Perchè chi decide di praticare del movimento dovrebbe scegliere B&B?

Io lo consiglio perchè è divertente, la musica è molto varia, possiamo anche cambiarla ad ogni lezione, non ci sono coreografie da memorizzare così anche le persone meno coordinate o che non hanno mai fatto danza possono seguire con facilità una lezione. Piace tanto alle persone che fanno danza come a quelle che fanno fitness. C’è B&B Kids, per i bimbi; B&B classico, anche B&B Gold, over 60’s. Possono partecipare tanto donne quanto uomini e si imparano a ballare tanti stili diversi! Tutte le lezioni sono diverse!

silvera

Attualmente è possibile praticarlo in quali strutture e/o palestre?

Ogni insegnante di B&B lavora in diverse scuole o palestre allora direi che sono tanti i corsi attivi, alcuni fanno anche 50 persone ad ora, altri hanno avuto solo nel mese di settembre 80 iscrizioni; finché ci sarà richiesta noi continueremmo ad aprire corsi ovunque! Se c’è qualcuno che vuole farlo sia come allievo che come insegnante e non siamo ancora attivi nella sua zona si può mettere in contatto con noi…cercheremo di far partire dei nuovi corsi anche lì! Comunque nel nostro sito www.ballaebrucia.com c’è la mappa dove poter trovare tutti i corsi con gli indirizzi a livello nazionale e vedere anche i nostri istruttori, gli eventi, i video, le foto, insomma il nostro mondo!

 

 

Dancehall, ballare per divertirsi e mantenersi in forma

Dancehall, ballo di origine giamaicana, sempre più praticato e amato in Italia, e soprattutto nel Salento. E proprio questa è la terra di Aurora Aprile, 26enne di Lecce, ballerina, insegnante di danza, studentessa alla specialistica di Psicologia a Chieti.

Leggi l’intervista QUI

Mia Gioielli Contemporanei: dal riciclo prendono vita straordinari bijoux

Affascinata dall’arte e dalla creazione in tutte le sue forme, Simona Sanfilippo (nel web il suo nome è Mia) approda nel mondo dei bijoux, rigorosamente fatti a mano, dopo aver appreso tanto proprio a livello artistico.

Infatti,  si dedica per diversi anni alla danza moderna, poi al teatro. Queste esperienze le permettono di conoscere a fondo se stessa, riuscendo anche a realizzare il suo sogno: lavorare al Piccolo Teatro di Milano.

Le  soddisfazioni sono davvero tante per Mia, e la sua vena creativa di certo non si placa, anzi…

Pittrice per passione, ama lavorare con il colore denso, tipico della tecnica a olio. E poi adora il design e la sperimentazione con diversi materiali, passione che la porta a realizzare affascinanti bijoux in pelle e pietre preziose, come quelli della sua prima collezione: “La collezione Ambrosia 2012/13

Vive  nella splendida campagna Lodigiana e dopo essersi dedicata a tempo pieno a fare la mamma, negli ultimi anni ha ritrovato il tempo per continuare ad esprimere le sue passioni artistiche.

Quando è nata la passione per la creazione di gioielli fatti a mano?

Amando l’arte manuale e praticando diverse tecniche artistiche, sono sempre alla ricerca di  materiali con la quale ogni giorno sperimentare. Amo molto realizzare creazioni con la tecnica del riciclo dei materiali e proprio per questo motivo, avendo fra le mani una vecchia borsa di pelle ho pensato di recuperarne il pellame per creare qualcosa di nuovo. Dopo aver osservato per giorni il pellame, mi è venuta l’idea di realizzare, con esso, un bijoux. Da quel giorno sono passati circa due anni e non ho più smesso di creare gioielli.

Cosa contraddistingue le tue creazioni? Che materiali e quali tecniche impieghi?

Le mie creazioni per nascere hanno bisogno di una storia. Come la mia ultima collezione “Hope” che nasce dal desiderio di comunicare la speranza… Ciò che contraddistingue i miei gioielli oltre all’unicità del messaggio che vogliono dare è il contrasto dei colori, unito all’eleganza delle forme. Per i miei gioielli contemporanei utilizzo prevalentemente pellami Italiani di recupero. I ritagli che seleziono con cura, sono di giacenze di magazzino. Ci tengo moltissimo a sottolineare l’importanza del riciclo, come fonte di nuova vita di un materiale che avendo imperfezioni potrebbe rimanere inutilizzato. Insieme al pellame nella nuova collezione protagonista è la Tagua. Un seme diffuso nella regione Amazzonica dell’Equador e che presenta in tutta la sua naturalezza, imperfezioni, squarci e dettagli unici.


Quali soddisfazioni ti offre questa attività?

Creare per me è il sinonimo di respirare. I momenti in cui mi sento maggiormente soddisfatta sono due: appena termino un lavoro e riguardo il bozzetto del disegno e la creazione è identica. Mi sembra una magia…perché non sempre l’idea iniziale, può diventare davvero un oggetto concreto. La grandissima soddisfazione però e credo la più bella, è quando vedo la gioia di una donna che indossa un mio modello.


Che canali usi per promuovere quel che crei?

Internet  sicuramente è il sistema che mi ha permesso di farmi conoscere da un largo pubblico. Ho un sito che aggiorno continuamente www.miagioiellicontemporanei.com. Molto importanti sono le fiere di settore e i Temporary Store, che si snodano nelle città più importanti e permettono  alle persone di poter  vedere e provare dal vivo le tue creazioni.

Qui la sua pagina Facebook