Il calcio specchio di un Paese

Coppa Italia e la sua triste finale, dettata da tutto quello che con lo sport non dovrebbe avere nulla a che fare. Scontri tra ultrà prima del match tra Fiorentina e Napoli. Dieci feriti, di cui uno in gravi condizioni. Violenza e limiti più che superati, in una finale che non sarebbe giusto definire come un grande e importante evento sportivo, perchè una manifestazione sportiva ha altri valori da trasmettere ai tifosi, ai giovani e a tutti coloro che vedono nello sport un’àncora di salvezza, una distrazione dai problemi quotidiani e un modo per sentirsi uniti, andando oltre le preferenze per uno o per l’altro team.

Continua a leggere QUI